Il (nuovo) master plan di Elon Musk per Tesla

Elon Musk ha aggiornato il master plan di Tesla.

In fondo, quello originale (vecchio ormai di 10 anni) si potrà considerare concluso a breve, con l’arrivo sul mercato il prossimo anno della Model 3:

  1. Create a low volume car, which would necessarily be expensive
  2. Use that money to develop a medium volume car at a lower price
  3. Use that money to create an affordable, high volume car
    And…
  4. Provide solar power. No kidding, this has literally been on our website for 10 years.

Ecco quindi quali sono le nuove sfide:

  1. Integrate Energy Generation and Storage: create stunning solar roofs with seamlessly integrated battery storage
  2. Expand to Cover the Major Forms of Terrestrial Transport: Expand the electric vehicle product line to address all major segments
  3. Autonomy: Develop a self-driving capability that is 10X safer than manual via massive fleet learning
  4. Sharing: Enable your car to make money for you when you aren’t using it

 

È interessante vedere come, nella visione di Musk, in realtà i punti 2, 3 e 4 siano assolutamente collegati tra di loro: l’espansione della produzione di Tesla sarà non solo su camion di grosse dimensioni ma anche per il trasporto pubblico e i primi annunci a riguardo arriveranno nel corso del prossimo anno.

Per il trasporto pubblico però non bisogna pensare solo ai classici pullman: con il miglioramento delle tecnologie di guida autonoma si possono pensare ad altre forme, con un leggero cambio di paradigma. Il conducente del bus potrebbe diventare un fleet manager, che guiderà in città una carovana di Tesla, di proprietà di persone differenti. Le singole Tesla potranno aggiungersi e togliersi dalla flotta a seconda della necessità di spostamento; con la funzione di summon, si potranno richiamare da remoto, da qualsiasi punto ci si trovi. Once it picks you up, you will be able to sleep, read or do anything else enroute to your destination. Ma soprattutto, nelle ore in cui saremo chiusi in ufficio o comunque non utilizzeremo il nostro autoveicolo, potremmo metterlo a disposizione della collettività (è lo sharing) nella flotta in cambio di una retribuzione in denaro.

Il mio consiglio però è di leggere tutto il post e poi, chissà. Ci si riaggiorna tra 10 anni?

Via: Tesla Blog

Rispondi